Si può anche aver voglia di dipingere un mare in tempesta perché al momento è ciò che si avverte dentro, o semplicemente perché si trova particolare soddisfazione nel ricreare certe situazioni che gli agenti atmosferici impervi riescono a suggerire. Almeno per quanto mi riguarda funziona così. Con questo voglio dire che prima di studiare l’opera per capire l’artista, quando se ne ha modo, sarebbe meglio o più opportuno studiare l’artista per capire l’opera.